Incontro didattico sulla mostra “L’ha scritto la radio”

Nel programma della manifestazione di AIRE presso la Casa della Memoria e della Storia, svoltasi dal 14 aprile al 14 maggio 2011, erano previsti anche degli incontri didattici con studenti di indirizzo tecnico-scientifico per illustrare  loro le tappe storico-scientifiche che portarono alla scoperta della Telegrafia senza Fili di G. Marconi meglio conosciuta oggi in tema di comunicazioni come “wireless system” .

Gli incontri suddetti si sono svolti il 5 ed il 10 maggio scorso presso la sala conferenze della Casa ed hanno visto come graditi spettatori un folto numero di studenti del “R. Rossellini” di Roma impegnati nello studio della Cinematografia e tv.
Il professor Cristian Brizzola, già docente di quella scuola,  coadiuvato dal coordinatore AIRE di Roma e Lazio ha preparato accuratamente tutte le fasi dell’incontro che è stato suddiviso come segue:

a)       Presentazione di AIRE ed illustrazione delle sue finalità associative.

b)     Spiegazione teorica dei passaggi scientifici fondamentali  del periodo 1800-1895 inerenti alle maggiori scoperte nel settore dell’elettricità e magnetismo con annesse esperienze dal vivo con apparecchiature scientifiche da laboratorio allestite dal prof. Brizzola per rendere più interessante l’esposizione teorica suddetta.

c)      Visione del cortometraggio realizzato da AIRE su una propria esperienza di trasmissione radiotelegrafica alla presenza della principessa Elettra Marconi, avvenuta ad Oriolo Romano (VT) nel 2009 sulla distanza di 600 mt.

d)     Visione del filmato di 50’ realizzato da  RAI Educational sul tema di Marconi e delle prime sue esperienze con la radiotelegrafia.

e)     Visita guidata della mostra con particolare riferimento alla presentazione delle apparecchiature scientifiche esposte nell’angolo appositamente dedicato.

Al termine della presentazione nella sala convegni, gli studenti ed i visitatori lì presenti hanno avuto la possibilità di fare domande al prof. Brizzola ed al coordinatore Zeppieri sulle esperienze scientifiche in generale e nel dettaglio di alcuni fenomeni in particolare come ad esempio l’esperienza di Hertz del 1887 sulla propagazione in laboratorio delle onde elettromagnetiche, esperienza che aprì definitivamente la strada a Guglielmo Marconi per la realizzazione del suo storico brevetto della Telegrafia senza Fili (TSF) del 1895.     La comprensione degli avvenimenti che videro affermarsi la TSF era necessaria come preparazione didattica alla successiva illustrazione del secondo passaggio importante nella storia della radio, infatti fu dalla evoluzione del sistema di rivelazione della TSF  del 19° secolo che nel 1904 si giunse alla scoperta della prima valvola termoionica, il “diodo” , che aprì l’èra dell’elettronica moderna del 20° secolo e consentì di sviluppare in rapida successione nuovi sistemi di produzione artificiale di onde elettromagnetiche e quindi di trasmissione di messaggi non più solamente in telegrafia ma anche in fonia fino a giungere intorno al 1910 con i primi tentativi sperimentali di trasmissione radiofonica, poi divenuta realtà definitiva intorno al 1920 con l’affermarsi negli USA ed in Europa delle stazioni “broadcasting”.
Gli apparecchi riceventi sapientemente esposti con sequenza tecnico-cronologica costituiscono l’anello di congiunzione di tutto il lavoro didattico, essi infatti sono la testimonianza oggettiva sia della evoluzione tecnologica, sia dell’importanza politica e commerciale in cui la radio fu protagonista incontrastata nella storia dell’uomo del 20° secolo.
Da un lato infatti è messo in risalto l’aspetto commerciale dell’apparecchio, con forme e dimensioni sempre più accattivanti, dall’altro invece si evidenzia quello tecnico con la presentazione di apparati militari che diedero prova della essenzialità delle radiocomunicazioni sul teatro di guerra, specialmente nella 2° G.M.

                                                                                                              Il coordinatore AIRE di Roma e Lazio
                                                                                                                                        Fabio Zeppieri

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli sugli eventi, Articoli sulle mostre. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...