Introduzione alla rassegna “La sera andavamo”

di Fiorella Leone

Non ho avuto alcuna esitazione nel momento in cui si è trattato di offrire la collaborazione del Circolo Gianni Bosio alla terza edizione della rassegna “La sera andavamo” a cura del Dipartimento Cultura di Roma Capitale alla Casa della Memoria e della Storia: la proposta di presentare l’ultimo libro di Grace Paley, Fedeltà, rientra perfettamente nel tipo di approccio culturale che caratterizza il lavoro di ricerca del Circolo e che si basa sulla raccolta delle fonti orali per studiare e far conoscere forme e contenuti della espressività popolare. Una parte rilevante del materiale conservato nell’Archivio sonoro del Circolo è costituito da registrazioni di storie di vita, di testimonianze di fatti vissuti che vengono trasmessi all’intervistatore nella forma del dialogo ed elaborati  attraverso il filtro della memoria.  Ciò che infatti avviene nel corso dell’incontro, nell’intervista, quando si stabilisce una relazione di ascolto, sembra verificarsi da parte di chi legge le poesie (ma anche i  numerosi racconti) di  Grace Paley:  si ha la sensazione di essere suoi  interlocutori, come se si stesse dialogando con l’autrice  e, alla fine, come se la sua storia fosse anche la nostra.

L’attenzione per il dettaglio, la scelta delle parole, la modalità del linguaggio che non si sottrae ad interruzioni brusche, ad apparenti contraddizioni, spesso a ripetizioni, sono proprio caratteristiche del linguaggio parlato, di chi sta narrando di sé, così pure la cura nella descrizione dei piccoli gesti che danno senso e significato alle relazioni raccontano l’interesse di Grace Paley per i rapporti umani, amicali, parentali,  ma anche la sua sensibilità per chi è discriminato, emarginato, per quelli che non sono ascoltati. Le voci che si intersecano nelle sue pagine sono quelle di una comunità che partecipa alla quotidianità della vita ma, ad un tempo, è sensibile a ciò che avviene intorno, poiché spesso le vicende minime delle storie personali non possono essere separate  dalle trasformazioni del contesto storico e sociale in cui si vive: un tema di grande interesse per chi considera la capacità di mettersi in relazione con l’altro, il necessario presupposto perché il lavoro sulle fonti orali, a partire dallo sguardo del singolo soggetto, possa diventare strumento di ricerca e di analisi di processi storici e di mutamenti sociali.  

Nel caso particolare del prezioso volume Fedeltà, la forma poetica, che nulla toglie al discorso diretto, contribuisce a distillare le parole e  permette di esprimere in modo forte e chiaro ciò che l’Autrice ha pensato, costruito ed elaborato nel corso del tempo, sulla base della sua esperienza di donna, moglie, madre, nonna e, non di meno, attivista politica; ineludibile l’analogia della parola poetica con la potenza di comunicazione che hanno certe forme dell’espressività popolare musicale, pur trasformate nel tempo, ma inalterate nella forza di trasmissione dei contenuti e  che sono da sempre oggetto di studio e di riproposta da parte degli artisti del Circolo Gianni Bosio.

 

Sono questi gli spunti che mi hanno suggerito di chiedere  a due studiose dei lavori di Grace Paley, Sara Poli e Annalucia Accardo, di commentare, approfondire e comunicare le loro riflessioni sul percorso di vita e sulla poetica della Paley; due tipi di approccio che sono strettamente collegati nei testi poetici della raccolta Fedeltà, proprio per questo riferibile  con difficoltà ad un genere letterario: né diario, né biografia quindi, ma forse solo documentazione di un  racconto che ciascuno di noi potrebbe, o vorrebbe, fare di sé, al punto in cui sente l’esigenza di trasmettere ai propri cari ciò che ha tenuto in maggior conto nel corso della vita.

Ci sono infiniti modi di narrare la realtà e di intervenire su di essa: Grace Paley attraverso la letteratura ha trovato il modo di esprimere la sua tenace difesa dei diritti civili, ha pronunciato parole di denuncia  di soprusi pubblici e privati, ha messo bene in evidenza come siano le persone a costruirela Storia, attraverso l’assunzione  quotidiana delle loro responsabilità; per chi condivide gli obiettivi del Circolo Gianni Bosio, conoscere e trasmettere i modi in cui si esprime la cultura popolare e osservarne le trasformazioni nel tempo e nei luoghi più diversi è un modo per cercare una chiave di lettura con cui interpretare la realtà attuale e, di conseguenza, praticare una forma di intervento politico in grado, a partire dai singoli soggetti, di modificare la società.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...