Editoriale

La creazione di una rivista telematica, assistita da un redattore, per la Casa della Memoria e della Storia nasce principalmente dall’idea di dare vita ad uno spazio virtuale condiviso di riflessione sulle attività della Casa e, più in generale, sulla storia del Novecento.

La rivista telematica di Casa della Memoria e della Storia, dunque, si pone come obiettivo quello di favorire l’interazione tra le varie Associazioni e tra queste e gli utenti, di dare vita a un significativo flusso di documenti e di informazioni, di essere un punto di ritrovo intellettuale e di approfondimento delle informazioni, nonché di trasmettere e veicolare importanti fonti e testimonianze della storia del Novecento, potenziando il lato scientifico e documentario della Casa.

La rivista telematica darà spazio a informazioni e pareri, sviluppando attraverso un percorso conoscitivo le tematiche della Casa, e promuoverà la divulgazione della memoria storica della Città, soprattutto grazie anche alla capacità di attrarre l’interesse delle nuove generazioni, permettendo una facile consultazione pubblica degli eventi, delle attività della Casa e della sua Biblioteca.

In sintesi, l’aspettativa della rivista telematica è quella di dar vita, via rete, a un dialogo continuo tra le Associazioni fra di loro e con gli utenti, di sollecitare riflessioni, di offrire agli utilizzatori del web un importante strumento per la conoscenza e l’approfondimento degli eventi storici del Novecento.

Sulla rivista telematica si pubblicheranno articoli, interviste, interventi, reportage, che potranno essere commentati e quindi sarà sempre possibile richiedere approfondimenti. In quest’ottica, risulta evidente che si accetteranno solo commenti articolati e soprattutto attinenti agli articoli pubblicati.

Inoltre, si potranno anche trovare link a siti relativi all’ambito trattato e/o di maggiore approfondimento delle tematiche affrontate.

In definitiva, la rivista telematica consentirà di valorizzare le iniziative della Casa della Memoria e della Storia, darà maggiore spessore e visibilità al ruolo e alle attività delle Associazioni, e inoltre permetterà di coinvolgere un ampio numero di utenti, dalle scuole all’università, dagli addetti ai lavori ai cittadini interessati al tema della “memoria” e alla conoscenza storica.

Annunci